PROGETTAZIONE FACCIATE CONTINUE

Dalla nascita allo sviluppo delle diverse tipologie

Le facciate continue sono state definite per la prima volta negli States con l’indicazione di pannelli non portanti di tamponamento appesi a una struttura a scheletro. Pannelli che potevano essere in alluminio, acciaio, vetro o materie plastiche.

 Le prime applicazioni risalgono agli anni 30-40 dove furono implementati nelle serre per la conservazione delle piante, e appariranno solamente nei primi anni 70/80 come parte di facciate di edifici. In questi anni inizia a prendere forma il ruolo ben definito di questo prodotto:

  • Delimitare gli spazi interni di un edificio rispetto all’esterno
  • Proteggere la struttura dagli agenti atmosferici
  • Regolare la trasmissione dei flussi energetici tra interno ed esterno influenzando il comfort interno
  • Impattare sull’aspetto dell’edificio a livello estetico e sulla sua relazione con l’ambiente intorno

Oggigiorno la progettazione di facciate continue è un’attività molto specialistica sviluppata dalla collaborazione di diverse figure professionali: ingegneri, meccanici e soprattutto architetti all’interni di studi di progettazione CAD come quello di Ram Project di San Marino.

E per venire incontro alle diverse esigenze dei clienti sono state suddivise le 4 principali tipologie:

  1. Facciate a montanti e traversi
  2. Facciate a cellule
  3. Facciate strutturali e semi-strutturali
  4. Facciate a fissaggi puntuali

Facciate a montanti e traversi1. Facciate a montanti e traversi

La facciata a montati e traversi sviluppa un reticolo strutturale formato da elementi verticali e orizzontali (solitamente in alluminio). A questo reticolo vengono applicati i tamponamenti trasparenti od opachi. Montanti e traversi, realizzati generalmente in alluminio, vengono tagliati su misura e lavorati direttamente in officina, mentre il reticolo viene poi assemblato una volta in cantiere.

  Facciate a cellule2. Facciate a cellule

La facciata a cellule invece è formata da cellule prefabbricate le quali contengono già il reticolo in alluminio e i tamponamenti. Essendo prefabbricate, le cellule vengono assemblate in fabbrica e in seguito trasportate in cantiere per essere montate sull’edificio. I principali vantaggi sono la velocità di installazione, effettuabile anche dall’interno dell’edificio, e il maggior controllo della qualità del prodotto data la realizzazione principalmente in officina.

Facciate strutturali e semi-strutturali3. Facciate strutturali e semi-strutturali

La facciata strutturale è caratterizzata da un’intelaiatura metallica di supporti, combinati con pannelli di tamponamento, e incollati al telaio con adesivi siliconici che riescono completamente o in parte a nascondere i supporti. Le parti metalliche nascoste riducono la fuga tra i pannelli e la trasmissione di calore o vibrazioni e per assicurare una maggior tenuta alla struttura vengono inserite delle piccole sporgenze orizzontali che aiutano a sostenere parte del peso delle lastre.

Facciate a fissaggi puntuali 4. Facciate a fissaggi puntuali

La facciata a fissaggi puntuali viene creata collegando i vetri alla struttura, con o senza foratura della lastra, attraverso degli elementi metallici, detti rotules. Essi sono dei vincoli strutturali che devono trasferire il peso alla struttura secondaria costituita da componenti metallici chiamati “ragni”. Le “rotules” hanno uno snodo che, attraverso l’unione del vetro e dell’elemento metallico, formano una sorta di cerniera, così che il punto di incontro scarichi parte della rigidità.

 

Dalla progettazione di facciate continue in base alla specifica necessità, alla scelta della tipologia da utilizzare e il suo successivo montaggio, abbiamo visto esserci diversi passaggi; ecco perchè gli studi di progettazione come Ram Project si affidano per la realizzazione dei progetti a ditte costruttrici specializzate che gestiscono tutte le operazioni di messa in opera.

montaggio facciate continueUna volta realizzato il tutto verranno incaricate poi aziende specializzate per la manutenzione e pulizia di facciate continue in vetro o alluminio, che dispongono di appositi impianti e piattaforme aree in grado di permettere all’operatore di agire sulla facciata esterna in massima sicurezza. Pensate che esistono squadre specializzate di Tree Climbing che si avvalgono di tecniche speleo alpinistiche per effettuare l’accesso alle facciate esterne particolarmente difficoltose.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>